International wedding: e se la sposa è straniera? | #becomingPRO

sposa straniera
Valigia trucco con luci Cantoni – https://www.cantonionline.it/linee-cantoni/valigie-trucco/

Negli ultimi anni mi sono occupata spesso del make up per spose non Italiane.

Il più delle volte erano spose straniere, venute a sposarsi in Italia perché il futuro marito è italiano (spesso e volentieri sono militari), oppure spose italiane che vivono all’estero da tempo ormai, ma che decidono di fare la cerimonia in Italia coi propri cari, o di farne una seconda in patria. A proposito di doppie nozze, mi è capitato anche di seguire spose straniere, venute a fare un secondo matrimonio in Italia, o anche semplicemente un servizio fotografico da sposa. Online se ne parla come wedding destination, ed è proprio la tendenza degli ultimi anni che vede coppie di freschi sposi, scegliere una o più location in giro per il mondo in cui fare il servizio fotografico di matrimonio.

 

Truccatrice straniera o no?

In tutti questi casi, trucco e acconciatura professionali sono spesso richiesti, e non solo per la sposa!

Nel caso di un matrimonio classico, mi è capitato ad esempio che la sposa portasse dal suo paese di origine la truccatrice ma non il parrucchiere, o viceversa, e che richiedesse poi a me di truccare damigelle, testimoni e invitati. Si parla spesso di decine di persone da truccare, quindi c’è bisogno di un vero e proprio team.

Altre volte invece la sposa decide di affidarsi in tutto e per tutto ad una wedding make up artist che operi nella città in cui andrà a sposarsi, e quindi il sito internet è fondamentale per mostrare i propri lavori, così come i social network.

 

La truccatrice… sempre con se!

Nel caso dei famosi servizi di “wedding destination”, in genere la presenza della truccatrice è richiesta per tutta la giornata, di modo da poter tenere sotto controllo make up ed eventualmente acconciatura durante lo shooting ed effettuare qualche variazione tra mattina e sera. Mi è capitato infatti di iniziare a lavorare di notte, per poter fare foto all’alba in luoghi generalmente molto frequentati, di modo da averli a propria disposizione.

 

Le esigenze delle spose straniere

Inutile dirlo: la capacità di parlare la lingua inglese in modo fluente è fondamentale e se si conoscono altre lingue, meglio ancora. Spesso ho avuto a che fare con la sposa, ma mi è capitato anche di dovermi interfacciare con la wedding planner, e non sempre era italiana.

Infine truccare una sposa straniera non significa solo avere a che fare con un diverso colore di pelle, ma anche con tradizioni, religioni, esigenze differenti (basti pensare ai cosmetici halal). Bisogna quindi informarsi adeguatamente sulle richieste e necessità della sposa, di modo da rendere il suo giorno perfetto.

 

Personalmente amo molto truccare donne di altri paesi, conoscerle e scoprire che al di là delle tradizioni, dei kilometri, delle religioni, il giorno del matrimonio siamo tutte alle prese con le stesse ansie, paure ed emozioni.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.