15 accessori che non possono mancare nel kit di un make up artist

accessori kit make up artist

Qual è il segreto di un bravo truccatore? Sicuramente quello che porta nella sua borsa. Il kit di un make up artist infatti contiene innumerevoli chicche che spesso fanno la differenza, soprattutto nelle emergenze.

Si tende a credere che il kit di un truccatore sia immenso, infinito e super pieno, in realtà un bravo truccatore ha imparato negli anni a ridurlo sempre di più, ottimizzando gli spazi e affidandosi a prodotti multiuso e stratagemmi che lo aiutino a sopperire alle più svariate richieste senza viaggiare con una profumeria dietro.

Vediamo insieme 15 accessori che secondo me non dovrebbero mancare nel kit di un make up artist

  1. Igiene è la parola d’ordine, largo spazio quindi al disinfettante per mani, prodotti e superfici, io mi trovo benissimo con questo qui che contiene anche oli essenziali, è profumato e non lascia le mani eccessivamente disidratate
  2. Sì ad un pulitore pennelli per una disinfezione rapida, il mio preferito è il Parian Spirit.
  3. Tra gli accessori più utili c’è sicuramente una palette in metallo, possibilmente fornita di spatola, come questa qui, che vi sia comoda per prelevare i prodotti, miscelarli e poi applicarli sulla cliente coi pennelli. In questo modo non contaminerete stick e cialde.
  4. Sempre in tema di applicazione prodotti, non fatevi mancare un buon piegaciglia, tra i migliori c’è sicuramente quello di Shu Uemura
  5. Tanti applicatori monouso, per mascara, gloss e eyeliner: sono indispensabili per mantenere l’igiene dei prodotti
  6. Ovviamente spugnette usa e getta e pouf da cipria per applicare i prodotti da base.
  7. Anche per le sopracciglia avrete bisogno di un buon kit, che comprenda almeno rasoietto, pinzetta, forbicine e pettinino.
  8. Molto utile durante l’applicazione del mascara è anche il “para-palpebra“, soprattutto sulle palpebre infossate e anche uno di quei pettinini in metallo per separare bene le ciglia.
  9. Infine dei buoni cotton fioc, meglio se di due tipologie: piccoli e rigidi per i lavori di precisione, e quelli a doppia punta, tonda e piatta per le rimozioni veloci.
  10. Per non rovinare l’acconciatura, questi beccucci d’oca rivestiti sono il massimo.

Vi mancava qualcosa? Avete altro da suggerire?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.